Esmeraldo Baha – Pangee | Apocryphal Gallery 6 maggio 2021

Pangee
Personale di Esmeraldo Baha

Testo critico di Elettra Galeotti

Inaugurazione 6 maggio 2021 alle ore 19:00

Apocryphal Gallery
Solo su instagram: @apocryphalgallery
Da un’idea di Mario Nalli

Fino al 16 maggio 2021

Pangee è la personale dell’artista Esmeraldo Baha ed è la XX mostra ospitata nell’Apocryphal Gallery. La galleria è visitabile esclusivamente su Instagram nel profilo: @apocryphalgallery.

L’Apocryphal Gallery celebra un anno dall’apertura della galleria, ma anche un anno di silenzio e di oscurità, con la luce e la voce, nella lampada magica di Mario Nalli: microscopico faro nelle tenebre della pandemia (Carlo Lei).

Mario Nalli, ad un anno dall’avvio della sua Apocryphal Gallery, sintetizza così la vera essenza del progetto: “Era il 10 marzo del 2020. La galleria apocrifa nasconde ed esalta nello stesso istante la piccola opera, trascina lo spettatore nello smarrimento delle reali dimensioni dello spazio e del suo contenuto. Ecco allora che l’artista è convocato a misurarsi in una dimensione diversa, mettersi in gioco in uno spazio fuori dal comune, “falso”, ad interrogarsi e ri-progettarsi in una galleria inusuale, fuori da ogni canone di spazio espositivo. L’artista, certamente, e ne sono consapevole, deve decisamente cambiare il ragionamento e pensare al piccolo formato in una nuova dimensione. Invito dunque ad una nuova scommessa, e chi sa se forse porterà a nuovi stimoli e a risultati inaspettati.” 

Elettra Galeotti ci introduce nelle opere di Esmeraldo Baha: “Pangee” è un gioco di piccoli continenti e di minuscole forme di vita fluttuanti che li attraversano. Gli unici esseri di questi mondi sperduti sono batteri e bruchi colorati, che mutano fino a diventare farfalle. Tutto è gioco e spensieratezza sopra quelle zolle di terra che invece sono costrette tra loro, ad incastro perfetto ma in equilibrio precario, pronto ad infrangersi al minimo movimento.

I bruchi fremono e danzano, come cromosomi artificiali e cangianti che si intrecciano tra loro. Quando sono pronti a compiere la propria evoluzione si intersecano al paesaggio, lo sconvolgono, lo rivoluzionano, lo feriscono. Tutto diventa colore, si compenetra e traspare in questo minuscolo universo che appare grande, amplificato da queste forme di vita ibride ed impalpabili.

Breve nota biografica

Esmeraldo Baha. 1991, Elbasan (Albania). Vive e lavora a Bologna. Nel 2015 consegue la Specialistica in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Durante il periodo di formazione accademica segue con grande interesse i corsi dei professori Rinaldo Novali e Simone Pellegrini. In questo periodo partecipa ai concorsi organizzati dall’Istituzione dell’Alta Formazione Artistica, quali: Premio Nazionale delle Arti VIII, Milano, 2011; Premio Nazionale delle Arti X, Bari, 2013, ottenendo anche menzione speciale in questa edizione e Premio Claudio Abbado, Roma, 2015, classificandosi questa volta al primo posto nella categoria Disegno. Nel 2015 e nel 2016 ottiene le borse di studio della Fondazione Zucchelli di Bologna. Sempre presso gli spazi della Fondazione Zucchelli realizza nel 2016 la mostra personale a cura di Beatrice Buscaroli dal titolo “Luce strutturata”. Dal 2016 lavora presso la galleria P420 di Bologna come “art handler”, collaborando anche alla realizzazione delle mostre nella sede della galleria, nelle Istituzioni Pubbliche e private, nelle fiere nazionali e internazionali.

Info: apocrifagallery@gmail.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *