Stefania Fabrizi – Alta marea | Apocryphal Gallery solo su instagram

Stefania Fabrizi
Alta marea
Testo critico di Lorenzo Canova

Inaugurazione 20 novembre 2020 ore 19:00

Apocryphal Gallery
Solo su instagram: @apocryphalgallery
Da un’idea di Mario Nalli

Fino al 30 novembre 2020

 

“Alta marea” é la quattordicesima mostra personale organizzata da Apocryphal Gallery. I lavori dell’artista Stefania Fabrizi saranno visibili fino al 30 novembre 2020 solo su Instagram nel profilo @apocryphalgallery della galleria.

La miniatura per sua stessa natura si nasconde, non irrompe per dimensioni nello spazio, ti costringe a cambiare la posizione dell’osservazione. Da questa premessa nasce l’idea dell’Apocryphal gallery che vuole cambiare il punto di vista della prospettiva della fruizione, cambiare l’impatto emotivo con un nuovo modo di percepire il piccolo formato (Miniatura). Quindi l’Apocryphal gallery funge da lente d’ingrandimento spingendo lo sguardo dello spettatore a non modificare posizione per la lettura completa delle piccole opere.

Lo scopo dell’Apocryphal gallery è di esaltare uno spazio irreale falsando la percezione e la visuale in piani diversi fuori dal comune e falsando le dimensioni dell’opera sottolineandone tutte le sue peculiarità.  Chi usufruisce sarà illuso, vedrà le opere diversamente dal solito. 

Lorenzo Canova ci introduce nella ricerca e nella poetica di Stefania Fabrizi. Così scrive: “Una sequenza di immagini monocrome, toni di grigio che si intrecciano e si susseguono, scene familiari che sembrano rivelare qualcosa di sconosciuto; famiglie al mare, bambini che giocano, venditori di gonfiabili, sdraio e castelli di sabbia: in questi piccoli quadri di Stefania Fabrizi tutto ricorda le spiagge delle nostre estati, eppure qualcosa ci riporta a una dimensione irreale, a una sospensione del tempo e delle azioni rappresentate sulla tela. 

Fabrizi ha trasferito in queste opere le ricerche compiute in un lungo ciclo di piccoli acquarelli, eliminando tuttavia, con una scelta concettuale, gli elementi cromatici non compresi tra le gamme dei bianchi, neri e grigi, in una trasposizione che a prima vista potrebbe farci pensare a delle vecchie foto, a ricordi di momenti felici, a vacanze lontane nel tempo.”

Stefania Fabrizi vive e lavora a Roma. La sua ricerca si è sviluppata per lo più nell’ambito della pittura in tutte le sue tecniche, indagando su temi che spaziano dal cinema al fumetto, dalla letteratura al mondo dello sport, con figure misteriose e talvolta pervase da un afflato spirituale; soggetti che spesso si trasformano in icone, la cui trasfigurazione è restituita nella sua completezza grazie anche all’elevata qualità tecnica dell’artista.

Ha partecipato a numerose esposizioni personali e collettive:
Zisa (PA)
Palazzo Esposizioni (RM)
Museo d’Arte Paolo Pini (RM)
Ex Mattatoio (RM)
Trevi Flash Art Museum
Tokyo Museum
Parlamento Europeo Bruxelles
Museo del Corso (RM)
Cartiere Vannucci (MI)
Flower East Gallery di Londra
Mahmoud Khalil Museum, Cairo.

Tra le ultime mostre:
2020 Womahr, Palazzo GIL(CB)
2019 Il colore dell’acqua, Aratro, Università degli Studu del Molise (CB)
2018 Biennale del Cairo-Convergenze possibili. RizzutoGallery (PA)
2017 Artist Residence at the City of the Dead, Il Cairo
2015: Linee di Confine, Museo Bilotti (RM) – Ora X, Circolo della Farnesina (RM)  Residenza Artistica (CS)
2014: I Guerrieri della Luce MAAM (RM) – Bienal Fin del Mundo, Buenos Aires
2012: Warriors of Light, Galleria Contemporary Concept, (BO) – La musica segreta del mondo, Aula Magna dell’Università degli studi della Tuscia, (VT)
2011: Centro Borges, Argentina – Crosscurrents, Nigeria – Padiglion Biennale e Italia 54 – Workshop Istituto di Cultura Italiano a Tripoli
2010: Artisti Italiani e Cinesi a confronto, Padiglione Italia, Expo Shanghai. Shanghai
2008: Quadriennale d’arte (RM), Palazzo Esposizioni (RM) –P er Amore, Palazzo Incontro (RM)
2005: Altre Lilith, Scuderie Aldobrandini. Frascati
2004: Arte Italiana per il XXI secolo, Palazzo del Ministero degli Affari Esteri, (RM) – On thè edge of Vision. New idioms in indian & italian contemporary art, Victoria Memorial Hall, Calcutta – Cantiere in corso, ARATRO Archivio delle Arti Elettroniche Università degli Studi del Molise (CB) – Arte Italiana, Palazzo Reale (MI) -Artiste in Italia nel XX secolo, Palazzo Mediceo, Seravezza (LC).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *